bio Eng - ita

Il Quinteto Porteño, composto da Nicola Milan (fisarmonica), Daniele Labelli (pianoforte), Nicola Mansutti (violino), Roberto Colussi (chitarra) Alessandro Turchet (contrabbasso) nasce nel 2006 con l'intento di esplorare e studiare il tango argentino, con particolare riguardo per la musica del grande compositore Astor Piazzolla.

L'entusiasmo e l'apprezzamento del pubblico hanno accompagnato la formazione fin dagli esordi e sono stati rafforzati dal successo del primo disco inciso dal Quinteto "DECARISIMO", uscito alla fine del 2008 per l' etichetta "Assowhat".

"DECARISIMO" è un sincero omaggio al grande compositore argentino Astor Piazzolla di origini italiane scomparso nel 1992, che con le sue struggenti melodie, ricche di tensione e di passione (una su tutte: Libertango) ha reso il tango famoso in tutto il mondo.

Molti sono i brani suonati dal Quinteto tra cui :


Adios Nonino

Escualo

Fracanapa

Milonga, Muerte e Resurecion del' Angel

Biyuya

Primavera, Estate, Otoño e Invierno Porteño

Decarisimo

Libertango

Il Quintetto vanta numerosi concerti nel triveneto in Festival, Teatri e Piazze. Nel 2009 partecipano al festival di Castel Sant' Angelo e Castel Fidardo.

 

 

Maturato un sound originale il Quinteto decide di affrontare composizioni proprie, presentandosi al pubblico con musica originale, interamente composta e arrangiata dalla formazione. "Desiderata" è il progetto voluto e realizzato dal Quinteto Porteño per fondere mondi musicali diversi.

La musica Popolare, la musica Sud Americana, la musica Jazz, la musica Classica e una cantabilità tipicamente italiana si intrecciano dando vita ad un sound ricco di suggestione, colto e raffinato che sa entusiasmare e trascinare con sè qualsiasi ascoltatore.

Punto di forza dell’ensemble è la spontaneità di espressione e la grande vitalità delle esecuzioni dal vivo. La possibilità di dilatare e restringere le forme, inventare ed improvvisare le introduzioni o i soli rendono ogni concerto un evento unico.

Il secondo cd "DESIDERATA" pubblicato dall'etichetta discografica AlfaMusic è stato nominato all’Orpheus Music Award fra i 5 migliori cd di Jazz con Fisarmonica in Italia.

Lusinghieri consensi sono stati ottenuti dopo che le composizioni sono state trasmesse da importanti emittenti radiofoniche come Radio Vaticana “Jazzscoltando” (in diretta mondiale), Radio Tre, Radioattività, Anima Jazz, PuntoRadio.fm, Radio Due, Radio Nuova Musica, Radio Onde Furlane e recensite in articoli su riviste e giornali come Gazzettino, Messaggero, Il Popolo, Mondomix, Strumenti e Musica, Fisarmonie, RomainJazz, AgendaJazz.

Dicono di noi...

Radio Anima Jazz: “un ottimo gruppo questo Quinteto Porteño, un gruppo preparato con delle idee, sicuramente molto bravi sul piano tecnico oltre che sul piano creativo.....”

Bruno Pollacci

Mondomix: “Il rigore che pervade il suono e la particolare solennità delle parti cantate conferiscono a questo lavoro una dimensione profondamente personale nel panorama musicale italiano ed internazionale”.

Elisabetta Sermenghi


Jazzagenda: “Desiderata è di una bellezza rara”.

Eliana Augusti

“Un gruppo incredibile con un sound pazzesco”

Biagio Antonacci

 

 

Alla fine del 2012, dopo l'ingresso di Nicola Mansutti al violino, il Quinteto si rimette al lavoro con un nuovo progetto "RINASCIMENTO".

Il progetto viene eseguito in svariati Festival (Jazz Koiné, Musae...) affinando così i brani per le registrazioni in studio.

Il progetto "Rinascimento" matura dalla crisi attuale. Le tensioni, le ansie, la mancanza di tempo e di valori dell'uomo moderno si ritrovano in brani come "Milonga dell'Incoerenza", dedicata alla classe dirigente Italiana, o ne "Il Sogno Abbandonato" dedicata a tutte quelle persone che ancora oggi sono obbligate a lasciare il proprio paese come ultima possibilità di lavoro o di salvezza.
"Rinascimento" è anche un album di ricerca dove la musica comunica senza bisogno di immagini o di spettacolo, comunica per un'alchimia squisitamente musicale come in "Milonga de Porto" o gioca con i numeri come in "Quintedia" e "Tango 7" (rispettivamente con i ritmi di 5/4 e 7/4). Ci sono messaggi positivi e di speranza come nel brano "Il sole sopra le nuvole" o che omaggiano la vitalità femminile come in "Ciò che muove il mondo". In questo viaggio le culture si mescolano senza calpestarsi convivendo in modo naturale ed in "Estango" il tango abbraccia addirittura la musica Balcanica. Infine c'è "Rinascimento", un brano in cui la musica fonde tradizione italiana e innovazione, virtuosismo e sentimento, musica e filosofia.
C'è bisogno di un Rinascimento, di porre nuovamente al centro di ogni ragionamento e di ogni azione l'autenticità della persona e della vita. C'è bisogno di un Rinascimento nella globalizzazione dei linguaggi e dei modi di pensare. Questo è Rinascimento: una musica che emoziona, che ricerca e trasmette l'energia della vita.

Il 24 Febbraio 2014 "RINASCIMENTO" è stato pubblicato dall'etichetta discografica ALFAMUSIC di Roma con distribuzione internazionale EGEA.

Il 22 Aprile 2016, in corrispondenza del decimo anno di attività, eseguira alcuni dei propri lavori riarrangiati con l' Orchestra d'Archi Arrigoni.

Dal concerto è nato il loro ultimo Cd "Quinteto Porteño with Strings" pubblicato per l'etichetta Birdland Sounds.